Mario Biondi
PER ROMPERE QUALCOSA
2. Ma il cuore è strano

(1969)


cadono sulla neve
rintoccano da sole
 
le parole le hanno messe
in fila come soldati
e le fanno marciare
 
aprono le finestre
poi respirano l'aria
 
i compagni hanno braccia
di ferro le sollevano di colpo
e non gridano silenzio davvero
 
corrono tra i filari
per coprirsi le cosce
 
i ragazzi della natura
hanno le mani sulla fronte
e sorridono dal fondo
 
 
 
ecco adesso un corpo troppo giovane
sulle dita hanno steso righe nere sottili
 
forse per non essere da meno
gli occhi sono chiusi i lampioni
spenti nella strada fanno un'ombra
di celeste le braccia sono bianche
 
il colore del ventre ha disegnato una falce
sulla spiaggia affondano i piedi con cautela
 
così di nuovo le cose in ordine
sparso rinchiudono la cassa
vanno per non dire la preghiera
intorno con le fasce sulle spalle
 
ma ancora una volta devono mettere le parole
sulla bilancia ammassati pendono da una parte
 
 
 
tante cose dicono
tutte assieme succedono
 
è strano
 
il falò sull'autostrada fa una macchia scura
sono le fotografie del giorno prima il maglione
di dieci anni prima un groviglio di luci
 
le altre devono ancora venire
ottobre novembre sarà freddo
correre con i piedi nel fuoco
 
voltano la pagina sul seno tutto questo
deve ancora realizzarsi le conseguenze
dell'apertura non sono state millimetrate
 
la macchina è veloce quando si schianta
gli altri applaudono appena freneticamente
 
ma il cuore
è strano
 
 
 
quando i comici si allontanano lentamente
sull'autostrada i padroni sorpassano ridendo
le righe si curvano i pavimenti cadono
 
sul soffitto sotto le dita scendono le luci
meglio del kif le mani corrono sulle rughe
per danzare occorre lo stendardo dei bambini
 
come per camminare distendono un fazzoletto
allora sono sicuri di avere ragione dell'amore
insediati sulla cima per aprire il saliscendi
 
poi per lamentarsi corrono di dietro
alla parete
 
 
 
che la pioggia non sono lacrime da vedere
con le mani distese davanti ai filari
seduti sul marciapiede dell'angolo di fronte
cercano di vedere le figure defilate
 
tenendo lo schermo coperto sugli occhi
ma di non correre si augurano sottovoce
perché le lacrime non sono pioggia da vedere
arrivederci dicono piano lo scrivono per terra
 
forse per l'indomani penseranno un'altra volta
ricominciare da capo è una fatica disperata
stringono fra le dita una ciocca di capelli
poi scuotono la testa e si guardano le scarpe
I miei libri in formato Kindle

Slide copertine