Slide copertine



I MIEI LIBRI ORA ANCHE
Stacks Image pp1699_n12768_n9572


Monte Kailash e Lago Manasarovar

Il sacro Monte Kailash (6638 metri) è meta di interminabili pellegrinaggi e khora (circumambulazione in più giorni e con diversi gradi di intensità) da parte dei credenti di 4 religioni: induisti, buddisti, jainisti e bön. Per i primi è il Monte Meru, centro dell'Universo, Shiva vi risiede con la consorte Parvati. Per i buddisti è la residenza del Buddha Demchok; Milarepa è assurto alla sua vetta cavalcando i raggi del sole e sconfiggendo il demone bön Naro Bön-chung, già signore del luogo. Per i Bön è la Montagna della Svastica (che essi vedono nelle erosioni in forma di croce sulla parete sud). Terminato il lungo kora (camminando o anche prostrandosi), per i credenti è d'obbligo purificarsi nelle acque dell'antistante Lago Manasarovar (a 4.550 metri).

Lo slide show può ritardare qualche istante ad apparire e scorrere lentamente a causa della connessione.
Caso mai avanzate o arretrate cliccando le piccole immagini a sinistra o le freccette in basso
Lo slide show può ritardare qualche istante ad apparire e scorrere lentamente a causa della connessione, del device o della quantità delle foto
Per favore, aspettate, e poi caso mai avanzate o arretrate cliccando le freccette che compaiono sui lati delle immagini passandoci sopra con il puntatore

ATTENDERE LO SLIDESHOW QUI SOTTO
WAIT FOR THE SLIDESHOW HERE BELOW (can be slow depending on connection)

  • Nel tardo pomeriggio, visto da est, il Kailash (Gang Rinpoche) è restio a mostrarsi, come tutte le montagne di rango
  • Ma poi cede...
  • ... e si concede
  • Al mattino però, visto da sud, è ancora più restio...
  • ...per quanto lo si attenda e invochi...
  • ... mostra appena la "svastica" tra le nubi
  • ... appena appena...
  • .. finché, 3 giorni dopo, (quasi) si svela...
  • ... poi un poco di più...
  • ... piano piano...
  • ... piano piano...
  • E dopo un po', annunciato dal volo degli uccelli migratori
  • ... in grandi stormi...
  • ... di gabbiani, anatre e oche selvatiche...
  • Ecco comparire il lago
  • Il sacro Manasarovar
  • Con il suo piccolo presidio di Chiu Gompa, detto "Hotel", sulla riva settentrionale
  • Il ragazzetto di casa dà volentieri il suo contributo, ma va a scuola, passa dieci mesi all'anno a Purang, sui confini con Nepal e India
  • E il padre, un bravo pittore di thangka, studia con lui
  • Di fianco al Manasarovar c'è il suo gemello Rakshasta, uno in forma di sole e l'altro di luna:
    sono collegati da un fiumicello che — dice la tradizione — quando per il Tibet le cose non vanno bene si inaridisce
  • È bello meditare sulla riva opposta, a Seralung, proprio di fronte al Kailash (sembra quasi una famosa foto di G. Tucci)
  • ... o farvi le sacre abluzioni...
  • ... mentre il Sacro Kailash, adesso a nord ovest, continua a essere ritroso...
  • ... e mentre cala la sera...
  • ... avendo alle spalle, a sud, ancora in pieno sole, i quasi 7700 metri del Gurla Mandhata
  • Mentre dal lago arriva l'acqua per la cena...
  • ... che le donne della povera locanda preparano (riso fritto indigeribile e crudo con frammenti di uovo strapazzato)...
  • .... e il cane vigila, attirato dal profumo, in attesa di abbaiare tutta la notte ai fantasmi della fame...